Tag

, , ,

Essere a casa di lunedì pomeriggio è un gran lusso: si può fare il pane, si possono pulire i carciofi, preparare i muffin per la colazione. Forse vorrei fare la casalinga. In fondo chi l’ha detto che le donne devono lavorare ed essere uguali agli uomini? Oggi avere un lunedì pomeriggio da trascorrere a casa mi pare una grande fortuna e la vita della casalinga mi sembra assolutamente invidiabile. Vedremo domani se la penserò allo stesso modo…

Oggi a pranzo ho fatto un buon risotto che si addice alla stagione che stiamo vivendo, ovvero di gran confusione: la mattina nevica e al pomeriggio splende il sole e anche il mio risotto rispecchia l’inverno che si incontra timidamente con la primavera: un pesante risotto con provolone piccante, incontra un fresco e piccantino pesto di rucola.

risotto-con-provolone-e-pesto-di-rucola-2

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
INGREDIENTI PER DUE: 
 
1 L di brodo vegetale 
160 gr di riso carnaroli o vialone 
1/2 bicchiere di vino
100 gr di provolone piccante 
5 cucchiai di latte vaccino
100 gr di parmigiano
30 gr di rucola 
olio evo
1/2 spicchio d’aglio
cipolla bianca
 
 
 
PROCEDIMENTO:
Iniziamo col soffriggere un po’ di cipolla in 3 cucchiai di olio evo e lasciamo imbiondire qualche secondo. Aggiungiamo poi il riso e lasciamo tostare i chicchi per qualche minuto continuando a mescolare per evitare che il riso si bruci. 
Aggiungiamo ora il vino e lasciamo sfumare completamente. Procediamo con  l’inizio della cottura del riso cominciando ad aggiungere il brodo vegetale bollente (un paio di mestoli alla volta). Lo aggiungeremo al riso ogni qualvolta il precedente brodo è stato assorbito. 
Nel frattempo mettiamo in un contenitore alto e stretto la rucola, lo spicchio d’aglio, 30 gr di parmigiano e qualche cucchiaio di olio e frulliamo tutto con il frullatore ad immersione fino ad ottenere un pesto.
Qualche minuto prima del termine della cottura del riso, aggiungiamo ancora un paio di mestoli di brodo, il provolone tagliato a cubetti e il latte e completiamo la cottura del riso, avendo cura di non farlo asciugare troppo, ma lasciamolo, come si dice in gergo “all’onda”. Fuori dal fuoco mantechiamo con il parmigiano e serviamo aggiungendo al piatto un po’ di pesto di rucola. 
 
Annunci