PANE DI LIEVITO MADRE

IMG_0052_2

Navigando sul web, qualche settimana fa, alla ricerca di informazioni su questo benedetto Lievito Madre, mi sono imbattuta in un sito internet dedicato quasi ed esclusivamente a questo argomento. Ho notato subito che era presente anche una sezione ” spacciatori”, ovvero persone che si offrono di donare un pezzo della loro Pasta Madre. E così ho deciso di contattare qualcuno a cui chiedere qualche informazione. Ho controllato sulla mappa presente sul sito dove fosse lo spacciatore a me più vicino, l’ho contattato e ci siamo incontrati qualche giorno dopo. Mi ha regalato un pezzo della sua Pasta Madre, nata nel 2007. Non so quale sia il motivo, ma questo nome mi viene da scriverlo con la lettera maiuscola, sarà una forma di rispetto verso questa magnifica pasta che cresce all’interno del nostro frigorifero e che necessità delle nostre cure per rimanere in buona salute. Sarà il suo profumo e la soddisfazione che dona a tutti gli appassionati panificatori.

IMG_0045_2

Questo di oggi è il mio primo esperimento e sono soddisfatta: del profumo di questo pane innanzitutto, ancora prima di assaggiarlo, e del suo sapore poi, dolce e armonioso. Infine sono soddisfatta della sua leggerezza e della sua alta digeribilità.

Grazie quindi a Paolo per il magnifico regalo (se vi interessa leggere un suo articolo sull’argomento lo trovate qui) e a Pastamadre per questa bellissima iniziativa, che da oggi accolgo volentieri. Chiunque di voi fosse interessato ad avere in dono un pezzetto di Pasta Madre può contattarmi. Sarò felice di farvi questo regalo.

IMG_0066_2

Per prepararlo ho utilizzato:
150 gr di Pasta Madre
350 gr di farina di farro
200 gr di semola di grano duro
sale
 
Sono state necessarie sei ore di lievitazione della pasta e altre due ore per la seconda lievitazione con il pane già in “forma”.
Ha cotto per 45 minuti a 230 gradi
Annunci

16 thoughts

  1. anche io ho scoperto questo sito qualche settimana fa…sono tentatissima dal contattare lo ‘spacciatore’ più vicino a me….l’unico dubbio è il rinfresco…quando sei via per qualche giorno come fai?

    1. Ciao LaGreg, quanto mi piacciono i tuoi post 🙂
      In realtà il problema del rinfresco si pone solo una volta alla settimana, quindi le piccole vacanzine o altre assenze di qualche giorno non creano problemi. Il vero problema si pone per le vacanze estive, solitamente più lunghe. Anche qui peró si puó fare qualcosa: si puó portare il lievito in vacanza con noi. Resiste ad un viaggio di qualche ora oppure sarà sufficiente una borsa frigo per i viaggi più lunghi. Oppure la si puó affidare a qualcuno a cui si insegna come rinfrescarla (non è difficile). Una sorta di babysitter insomma 🙂 So che qualcuno “osa” anche congelarla o essoccarla con una particolare tecnica, ma non ne so molto…se hai bisogno di altre info, chiedimi pure.

      1. potrei portarla a mia suocera…lei fa ancora il pane nel forno a legna e con il lievito madre dovrebbe venire una meraviglia

  2. Voglio provarci anche io partendo da zero! Immagino già il disastro, ma pensa se riuscissi a fare il pane… che belloooo!!! Dai, dai, giuro che ci provo. Grazie per il tuo interessantissimo post! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...