Tag

, , , ,

In questi giorni mi sono sentita chiamare in diversi modi: da Brigitte Nielsen, a “lesbicona”, maschiaccio e via, via così. I simpatici appellativi mi sono stati dati da quelle “simpatiche canaglie” dei miei amici e familiari perché mi sono tagliata i capelli, non una, ma due volte nel giro di una settimana. Il primo taglio non era riuscito esattamente come avrei voluto e ho deciso, così, di ritagliarli ancora, molto più corti, aggravando notevolmente il problema. Mi rendo conto che questo non dovrebbe essere un grande dramma, ma così in realtà non è. I capelli sono da sempre un elemento ornamentale fondamentale nella vita di ogni individuo e rappresentano la cornice del volto, un modo di essere, di personalità e sicuramente quando non si è soddisfatti di ciò, in particolari modo per una donna, non si passano esattamente bei momenti. Crisi di autostima e d’identità, nel mio caso di femminilità. Cosa darei per i capelli lunghi che tanto avevo iniziato ad odiare qualche settimana fa. Ora mi tocca attendere imparando a gestire un nuovo modo di vedermi allo specchio, anche se per il momento ciò che vedo non mi piace affatto. Per il momento mi godo solo il pensiero che quest’estate non dovrò portarmi dietro il phon in valigia e che piastra e spazzola sono definitivamente archiviati per un po’. Intanto posso dirvi che i capelli crescono ben 0,3 mm al giorno e che pare che il lievito di birra, sotto forma di integratore, aiuti a velocizzare la crescita e la salute dei capelli. Credo che domani farò un salto in erboristeria.

Stasera ho fatto un esperimento che mi ha risollevato il morale per qualche ora: le polpette di zucchine, che hanno provato a sostituire le mie adorate polpette di melanzane almeno per una sera. Sono soddisfattissima del risultato, perché sono anche veloci da preparare e molto gustose come le mie polpette preferite. Vi lascio la ricetta, sono ottime sia come antipasto sfizioso, sia come secondo piatto.

DSC_0095_Fotor

ingredienti per circa 15 polpette

5 zucchine medie

200 gr di pane raffermo di tipo casereccio

1 uovo

1 spicchio d’aglio

50 gr di parmigiano

80 gr di scamorza affumicata

menta fresca

olio per friggere

sale

pepe

scorza di limone bio (facoltativo)

DSC_0090_Fotor

procedimento:

Ho tagliato le zucchine a rondelle sottili e le ho cotte in una padella antiaderente con un filo d’olio a fuoco molto dolce fino a renderle molto morbide, quasi a sfaldarsi, facendo attenzione a non farle scurire (se necessario coprire per qualche minuto). E’ importante che l’eventuale acqua rilasciata dalle zucchine sia completamente assorbita a fine cottura. Le ho trasferite in una ciotola e le ho lasciate intiepidire. Ho unito poi il pane che ho lasciato in ammollo per una quindicina di minuti, avendo cura di strizzarlo completamente dall’acqua di ammollo. Ho aggiunto le foglioline di menta, il sale, il pepe, lo spicchio d’aglio tritato e la scorza di limone grattugiata. Ho aggiunto l’uovo al composto e ho impastato bene con le mani fino ad amalgamare bene gli ingredienti. Ho formato, poi, le polpette con le mani, inserendo all’interno un pezzetto di scamorza. Se il composto dovesse essere troppo “bagnato” sarà sufficiente aggiungere un paio di cucchiai di pane grattugiato, ma il composto dovrà essere comunque umido e molto morbido. Ho fritto in abbondante olio. Per chi volesse evitare la frittura, potrà disporre le polpette su una placca da forno antiaderente o ricoperta da carta oleata, spennellare con un po’ d’olio le polpette e cuocerle fino a doratura a 200 gradi. Si possono servire accompagnate da salsa di pomodoro piccante e basilico.

DSC_0109_Fotor

Annunci