CROSTATA DI FROLLA AL MARSALA CON PRUGNE E FRUTTA SECCA

Non mi pare vero di stare scrivendo un post dopo neanche una settimana dall’ultimo, ma fortunatamente e inaspettatamente ho avuto molto tempo per cucinare questo weekend e dopo aver fatto il pane, mi sono dedicata a qualche dolce. Il primo esperimento non mi ha dato grande soddisfazione: come al solito mi sono incaponita nel voler provare a fare dei dolci vegan. Li sento molto nelle mie corde, per il sapore così rustico, sano, ma devo ammettere che le torte morbide, tipo ciambelle o plumcake non mi lasciano mai pienamente soddisfatta. Anche in questo caso, sabato mattina, avevo promesso a Manu che avrei rifatto la sua torta senza glutine, ma mi mancavano le uova (e te pareva…) e quindi ho approfittato per fare un dolce totalmente diverso con quello che avevo in casa, anche se è era assolutamente privo di glutine. Ma la consistenza non mi ha soddisfatta, oltre al fatto che lo zucchero che avevo messo era davvero poco. Ci ho riprovato quindi domenica, questa volta colta da vera ispirazione mentre tentavo di fare una pennichella pomeridiana. Ma il richiamo della cucina è stato più forte e così, imbragata ben bene con grembiule e piedi scalzi, la migliore e proficua “mise” per me, ho iniziato a mettere le mani in pasta. L’idea, già sperimentata qualche anno fa, ma da perfezionare, nasceva da un impasto di dolci natalizi (di cui magari un giorno vi parlerò) fatto con olio e marsala. L’impasto è quindi profumatissimo e molto friabile per la presenza dell’olio. L’ho arricchito con farina di carrube (ve li ricordate questi biscotti?), che hanno donato un buon sapore di cioccolato ad una torta che non ne ha neanche un grammo. Per la farcita ho utilizzato gli ultimi scampoli d’estate che c’erano in frigo: delle buonissime prugne gialle, alle quali ho aggiunto mirtilli secchi, uvetta e nocciole. Sono riuscita nel mio intento di ottenere un dolce golosissimo e completamente vegan e involontariamente è nato un dolce di mezza stagione, un buonissimo comfort food per un saluto all’estate e un benvenuto all’autunno.

DSC_0339_Fotor

INGREDIENTI:

 

PER LA FROLLA

100 GR DI FARINA INTEGRALE

100 GR DI FARINA 00

50 GR DI FARINA DI CARRUBE

80 GR DI ZUCCHERO

90 GR DI OLIO EVO (SE PREFERITE DI GIRASOLE)

60 GR DI MARSALA

DSC_0324_Fotor

PER LA FARCIA:

5 PRUGNE (PER ME GIALLE)

UNA MANCIATA DI MIRTILLI

UNA MANCIATA DI UVA PASSA

30 GR DI NOCCIOLE TRITATE GROSSOLANAMENTE

2 CUCCHIAI DI ZUCCHERO GREZZO DI CANNA

2 CUCCHIAI DI OLIO DI SEMI DI GIRASOLE

2 CUCCHIAI DI MARMELLATA (PER ME MORE)

CANNELLA A PIACERE

4 CUCCHIAI DI MIELE

DSC_0330_Fotor

PROCEDIMENTO:

Ho miscelato le farine con lo zucchero. Ho creato la classica fontana alla quale ho aggiunto olio e marsala precedentemente miscelati insieme. Ho impastato fino ad avere un panetto liscio, che ho lasciato riposare in frigo per una mezz’oretta. Nel frattempo ho messo in padella le prugne tagliate a cubetti piccoli insieme all’olio e allo zucchero e ho lasciato cuocere per una decina di minuti fino ad ammorbidire bene la frutta e caramellarla leggermente. Ho spento il fuoco ed ho aggiunto le nocciole, la cannella, l’uva passa e i mirtilli precedentemente ammorbiditi in acqua e poi strizzati. Ho aggiunto infine la marmellata. Ho lasciato raffreddare. Ho ripreso la frolla e l’ho stesa con l’aiuto del matterello. Ho L’ho posizionata in una teglia a cerniera del diametro di circa 23 cm. Con i ritagli di pasta ho formato delle striscioline per coprire poi la farcia. Ho riempito con il ripieno di frutta e ho completato con i ritagli. Ho cotto in forno a 180° per circa 30 minuti. Una volta cotta, ho lasciato raffreddare la crostata e l’ho poi spennellata con qualche cucchiaio di miele caldo.

DSC_0344_Fotor

DSC_0359_Fotor

ENJOY!

 

Il consiglio in più:

Se deciderete di non spennellare la torta col miele, aumentate di 30 gr la dose di zucchero della frolla.

 

Annunci

34 thoughts

  1. Sono contenta che tu abbia deciso di rimandare la tua pennichella…guarda che meraviglia! Immagino poi che il Marsala, con quel suo inconfondibile sapore debba aver dato a questa crostata un sapore meraviglioso…

  2. Wow!! Aggiusta qui, cambia di là…e guarda cosa hai combinato?! Io non ho mai provato dolci vegan (neanche assaaggiati), l’idea non mi ispira granché ma a vedere questo mi viene voglia!
    Brava davvero, tante cose golose tutte insieme…e il marsala piace tanto anche a me nell’impasto dei biscotti (e anche da solo 😉

  3. Mi piace da matti questa sperimentazione..le tortine hanno un aspetto delizioso e non oso immaginare il sublime sapore 😀
    La tua fase Vegan mi ispira..ti seguirò con molta curiosità 😀

  4. Un dolce autunnale a pieno titolo! Una ricetta che devo provare, c’è scritto il mio nome sopra sai?! Senza latticini e con tutti ingredienti che amo, farine integrali e frutta secca … unico neo per me resta la farina di carrube; non la uso quasi mai … anzi usata solo un’unica volta! La prossima lista della spesa (perché io ancora seguo la modalità delle vecchie nonne 🙂 ) avrà un prodotto in più!
    Spero che il tempo libero in futuro ti sia sempre in abbondanza, visto le meraviglie che ottieni!!!
    Te ne rubo una briciola e ti auguro una bella giornata.

  5. mi piace l’idea della farina di carrube, non l’ho mai utilizzata ma la vedo spesso in un negozietto che ti piacerebbe da morire… io sono sempre alla ricerca di impasti vegan, pur non essendolo. Proverò la tua torta!

    1. Ma sai che ho scritto un super commento lunghissimo sul tuo blog (alpost della torta salata) e alla fine non mi ha pubblicato nulla? 😦 Che rimpimento ‘ste cose…
      comunque ti chiedevo appunto se volessi farmi da cicerone per Torino qualche volta, alla scoperta di tutti quei posti di cui parlavi 🙂
      Grazie mille di essere passata,
      un abbraccio

  6. Il richiamo della cucina ha colpito anche te:)
    Questa torta è quasi magica….convinte che fosse al cioccolato fino alla lettura degli ingredienti…poi la frolla senza uovo, che meraviglia!
    Un dolce vegan che è anche molto attraente , non è da tutti, bravissima!
    Buona serata, un abbraccio

  7. Adoro le sperimentazioni specie con farine diverse ed io uso spesso farine diverse. Quelche anno fa c’era un negozio vicino dove mi rifornivo, peccato ha chiuso ed ora trovo le più comuni anche tutte biologiche, La farina di carrubbe non l’ho mai trovata, o forse non c’ho prestato attenzione, mi riprometto che quando vado a Parigi devo farmi rifornimento cosi come quella di Kamut. Ho trovato pero’ quella di fonio…forse potrà sostituire questa di carrubbe? ma a quanto pare é scurissima cosi’ che da il color cioccolato a questa ottima di certo crostata. Mi ha dato una gran voglia di farne una!!!!

    ps: ma quella sullo sfondo é una radio? é stupenda!!!

    un’abbraccio!

    1. La farina di carrube credo che tu la possa trovare senza problemi nei negozi che vendono prodotti biologici e ti sembrerà di aver acquistato cacao 🙂
      La farina di fonio non la conosco sinceramente mi informerò: le farine mi interessano sempre.
      Si, quella sullo sfondo è una radio anni ’70 🙂
      Un bacione, a presto e grazie mille di essere passara.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...