Tag

, , , , , , ,

Oggi mi presento a voi con la prima ricetta di salvataggio (ovvero in bozze da un po’), dopo un buon mese di timing perfetto e un’altrettanto perfetta organizzazione, quasi quasi da sentirsi una vera food blogger, sempre sul pezzo e con una scaletta ben precisa sott’occhio. Ma la salute questo weekend mi ha momentaneamente abbandonata. Nonostante tutto mi sono armata di buona volontà e ho comunque cucinato ciò che avevo in mente di preparare, pur avendo un braccio fuori uso e il moccio al naso perenne un brutto raffreddore. Ero molto soddisfatta del risultato, ma non delle foto e quindi ho deciso per il momento di archiviare la ricetta, in attesa di scatti migliori. Il tema (sia della ricetta in cantiere, che di quella tirata fuori dalle bozze) rimane comunque quello della pasticceria naturale. Questa nuova ossessione mi ha fatto anche pensare per qualche secondo all’apertura di un secondo blog (seguendo le orme della mia amica Lou), ma fortunatamente è stato solo un pensiero che ha attraversato, a mò di arcobaleno, il mio cervello, ma che si è dissolto con la sua stessa rapidità. In fondo so che a molti di voi la pasticceria naturale piace ed interessa, quindi perchè confinarla lontana da PiattiCoiTacchi? E poi che nome darei al nuovo blog? Non mi verrà mai più una genialata di nome del genere (su questo aspetto mi piace non essere modesta: il nome del mio blog è proprio fico carino ed appropriato a me stessa). Insomma, niente secondo blog. Questa settimana, quindi, dovrete accontentarvi del dolce più semplice del mondo, che io cucino da anni una volta alla settimana (qualcuno avrà ancora gli incubi da invasione domenicale di muffin), ma io li trovo geniali e tremendamente buoni. Mi piace cucinarne un bel quantitativo durante il weekend e consumarli piano piano, a colazione, durante la settimana. Mi permettono di non dover ricorrere a tremendi croissant del bar, per la mancanza di tempo di fare una degna petit déjuner a casa (so che basterebbe alzarsi un po’ prima la mattina e bla, bla, bla…ma da una che mette fondo tinta e mascara all’incrocio tra viale Teodorico e piazza Firenze cosa vi aspettate?) e, in aggiunta, la mia versione naturale mi permette di mangiare tutti i giorni un dolce senza sensi di colpa, ma anzi, con la sensazione che ciò che ho preparato l’ho scelto io, ingrediente per ingrediente, non utilizzando burro, non sovraccaricando la mia dieta di uova, di zuccheri raffinati e scegliendo personalmente le farine che utilizzo. Insomma, per concludere, sono sicura che almeno due o tre di voi si metteranno all’opera e prepareranno questi muffin questa settimana. Vi pare poco? Visto la velocità di esecuzione di questi muffin, con questa ricetta partecipo con piacere al contest di una meravigliosa vicina di blog: Alice! Buona inizio settimana, ci vediamo il prossimo lunedì 🙂

Banner_rvv

DSC_0612_Fotor

INGREDIENTI

Tempo di preparazione: 10 minuti – Tempo di cottura: 15/20 minuti – Diffcoltà: semplice

150 gr di farina integrale di farro

1 cucchiaino di lievito per dolci (cremor tartaro)

1 pizzico di sale

1 cucchiaino di bicarbonato

40 gr di zucchero grezzo di canna + un po’ per spolverare i muffin

100 gr di cioccolato fondente

40 gr di nocciole tostate e tritate finemente

90 gr di malto di riso

150 ml di latte di soia

1 cucchiaino di aceto di mele

3 cucchiai di olio extravergine di oliva

1 cucchiaio di fiocchi di farro integrale per decorare (facoltativo)

DSC_0566_Fotor

PROCEDIMENTO

Ho unito tutti gli alimenti secchi in una ciotola: la farina, il lievito, il bicarbonato, il sale, lo zucchero, le nocciole e il cioccolato fondente tagliato a piccoli pezzetti. Ho rimestato per amalgamare bene il tutto In un’altra ciotola ho unito, invece, tutti gli alimenti liquidi: il malto, il latte di soia, l’aceto e infine l’olio e ho mescolato fino ad ottenere un composto omogeneo bene gli ingredienti. Ho unito poi il composto delle due ciotole e ho mescolato con un cucchiaio di legno per ottenere un impasto omogeneo, ma facendo attenzione a non mescolare troppo l’impasto, giusto il tempo di   amalgamare tutti gli ingredienti. ho riempio le formine da muffin per 3/4 e ho spolverato con un po’ di zucchero di muffii la superficie, aggiungendo anche qualche fiocco di farro integrale. Ho infornato a 180 gradi per 20/25 minuti. Spolverare eventualmente con un po’ di zucchero a velo.

DSC_0534_Fotor

Annunci