Tag

, , , , , , , ,

Come avrete capito, approfitto sempre dell’assenza di Adriana e del suo “wine pairing” per continuare i miei esperimenti con la pasticceria naturale.

Questa settimana mi sono decisa a produrre la prima glassa per vestire questi dolci, tutto sommato molto semplici, un po’ più “a festa” anche nell’aspetto e non solo nel sapore. Ulteriore novità della settimana è stata l’introduzione di un nuovo ingrediente: dopo lo sciroppo d’acero di questi biscotti, ecco arrivare l’olio di cocco, del quale praticamente non avevo mai sentito parlare, se non per l’utilizzo nel campo cosmetico. Con mia grande sorpresa l’ho reperito in maniera molto semplice in un negozio che vende prodotti biologici, ma non mi aspettavo di trovarlo sotto “mentite spoglie” in un panetto solido, simile ad un blocco di cera. Pare infatti che assuma questa caratteristiche quando si trova al di sotto dei 24 gradi, dove si trova il suo punto di fusione. Anche in questo caso, si tratta di un prodotto piuttosto costoso, ma con moltissime proprietà benefiche: pare che aumenti il metabolismo basale e che sia quindi adatto, in quantità appropriate, a chi sta seguendo una dieta. Sembra essere, inoltre, un buon protettore del sistema immunitario e dell’apparato cardiovascolare, nonché un potente anti ossidante. Vi ho convinto nonostante il prezzo proibitivo di 16 euro al litro circa? Sappiate che è comunque sostituibile con un buon olio di semi.

Posso dire con soddisfazione che se deciderete di provare questa torta, non avrete bisogno di comunicare a chi la assaggerà che si tratta di una torta vegan, perché è morbida, profumata e molto, molto buona. Io ho aggiunto uvetta e noci, ma potrete sostituire questi ingredienti con altra frutta secca a vostro piacere. Nella ricetta originale della mia oramai “guru” Dunja Gulin, erano presenti anche 40 grammi di cocco che sinceramente…ho dimenticato.

Buona settimana e al prossimo lunedì 🙂

DSC_0618_Fotor2
INGREDIENTI:

IMPASTO: 15 MINUTI–TEMPO DI COTTURA:30 MINUTI–DIFFCOLTÀ: FACILE

PER LA TORTA:

265 grammi di farina semi integrale

1 cucchiaino di polvere lievitante

1 cucchiaino di bicarbonato

1 punta di cucchiaio di sale

1 cucchiaino di cannella in polvere

(40 gr di cocco disidratatto)

1/2 cucchiaio di vaniglia bourbon

100 ml di olio di cocco

170 gr di sciroppo d’acero

il succo e la scorza grattugiata di un’arancia

1/2 cucchiaino di aceto di mele

1 cucchiaino di rum

330 gr di carote grattugiate

60 gr di uvetta

80 gr di noci tritate

PER LA GLASSA:

220 ml di latte di avena

2 cucchiai di crema di avena o soia

3 cucchiai di sciroppo d’acero

3 cucchiai di amido di mais

1 punta di cucchiaio di vaniglia bourbon

6 gocce di estratto puro d’arancio o un cucchiaio di scorza d’arancia grattugiata

DSC_0607_Fotor

PROCEDIMENTO:

Preriscaldate il forno a 180 gradi. In una ciotola capiente setacciate la farina insieme al lievito, al bicarbonato, il sale, la cannella, la vaniglia ed eventualmente il cocco. In un altro recipiente inserite invece l’olio di cocco (eventualmente sciolto brevemente a bagno maria) con il succo e la scorza d’arancia, lo sciroppo d’acero e il rum. Unite poi il contenuto delle due ciotole e mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo, ma senza lavorarlo troppo a lungo. Aggiungete le carote precedentemente grattugiate e poi anche l’uvetta e le noci e mescolate fino ad uniformare l’impasto. Ricoprite una tortiera del diametro di 23 cm con carta da forno leggermente unta e versate l’impasto, avendo cura di livellarlo prima di infornare (risulterà un po’ più duro rispetto ad un impasto classico). Cuocerà in circa 30/35 minuti. Controllate comunque la cottura, facendo la classica prova stecchino. Lasciate raffreddare completamente all’interno della tortiera.

Per la glassa radunate invece tutti gli ingredienti in una casseruola, amalgamando bene con una frusta per far si che l’amido non formi grumi. Ponetela sul fuoco (basso) e continuate a mescolare per qualche minuto, fino a che non inizierà ad addensarsi (occorreranno circa 5/6 minuti). Non appena raggiunta la giusta densità, togliete dal fuoco e, ancora calda versatela sulla torta oramai raffreddata completamente e con l’aiuto di una spatola livellatela leggermente per ricoprire uniformemente tutta la torta. Lasciate raffreddare e rapprendere al fresco.  Decorate a piacere con scorzette d’arancia.

ENJOY

DSC_0634_Fotor

Annunci