SNACK ENERGETICO CON SEMI E FRUTTA AL CIOCCOLATO

Autoproduzione mania. Sta iniziando una nuova ossessione nella cucina di PiattiCoiTacchi. In queste ultime settimane, curiosando sui blog delle mie amiche dell’etere, ho scoperto che molte di noi hanno voglia di confezionare a casa degli snack che compriamo solitamente al supermercato. Inutile dire che la soddisfazione è immensa: c’è chi si cimenta come FoodLoveCouture e FoodNuggets negli snack di cereali al cioccolato, c’è chi come Martina di Mente Cuore e Cucina, produce ricotta e yogurt alle mandorle e io, vista la mia recente nuova passione sportiva (si, proprio io!) mi cimento con degli snack energetici che mi facciano sopravvivere agli allenamenti con la mia super trainer Livia Milano, che ogni volta in palestra mi sta vicino e mi sostiene, ma mi fa lavorare anche molto intensamente. Ho deciso quindi di sfruttare le mie mani per preparare degli snack che potranno essermi di aiuto nei momenti difficili 🙂 Ho iniziato pensando che il gusto non sarebbe stato dei migliori, ma mi sono dovuta decisamente ricredere, perché sono buonissimi! Sarà sicuramente anche merito dei miei preziosissimi fichi calabresi, colti da mio papà dal nostro giardino e seccati al sole di agosto la scorsa estate, ma il risultato è eccellente. Queste barrette sono ricche di semi di zucca, semi di girasole e lino, fonti preziose di vitamine e minerali. La preparazione è davvero molto semplice e per nulla impegnativa. Oltre che per lo sport, sono degli ottimi “spezza fame” per uno spuntino durante la giornata. Si conservano in frigorifero in una scatola di latta per circa una settimana. Dopo saranno sicuramente buoni, ma perderanno un po’ di fragranza. La ricetta, anche se decisamente modificata dalla sottoscritta, è tratta dal libro “The Green Kitchen” di cui vi avevo già parlato qui, che mi ha dato parecchi spunti in cucina quest’anno.

Buona settimana, ci vediamo il prossimo lunedì!

P.S Oggi sono molto arrabbiata, perché ieri dopo una giornata di “lavoro” tra cucina e computer, ho “perso” tutte le foto e stamattina all’alba mi sono alzata per iniziare il lavoro da capo, che naturalmente non è soddisfacente come quello di ieri…ma cosa non si fa per le passioni?

DSC_0708_Fotor_Fotor

INGREDIENTI PER CIRCA 20 BARRETTE:

TEMPO DI PREPARAZIONE: 15 MIN + RIPOSO DI UN’ORA – DIFFCOLTÀ:FACILE

100 gr di semi di zucca

100 gr di semi misti (lino, girasole, sesamo, chia)

100 gr di cocco disidratato

100 gr di riso soffiato (o fiocchi d’avena)

20 fichi morbidi e ammollati in acqua (per me dolcificati con miele di fichi)

90 ml di olio di cocco

4/5 cucchiai di cucchiai di cacao

2 cucchiai di malto d’orzo (eventualmente 3 o 4 se i vostri fichi non fossero molto dolci)

2/3 cucchiai di acqua (se necessario)

DSC_0713_Fotor

PROCEDIMENTO:

Inserite in un frullatore i semi, insieme al cocco e al riso soffiato (o l’avena) e frullate grossolanamente. Dovrete ottenere un composto ancora molto grezzo. Trasferitelo in un recipiente. Nello stesso frullatore inserite i fichi insieme all’olio di cocco (lo trovate nei negozi di alimentari biologici), al cacao e al malto e frullate a lungo fino ad ottenere un composto liscio. Se necessario (se il composto risultasse davvero troppo denso), aggiungete qualche cucchiaio di acqua. Unite il composto “liquido” a quello secco e mescolate fino ad amalgamare bene il composto. Il modo più semplice è sicuramente fare tutto con le mani (impossibile non leccarsi le dita dopo, perché saranno belle sporche e appiccicose). Versate il composto ottenuto su una teglia ricoperta da carta da forno e livellate il composto, cercando di ottenere un rettangolo, con un matterello inumidito, mantenendo uno spessore di circa 1 cm/1,5 cm. Riponete in frigo per un’ora o anche più. Tagliate il composto a strisce, prima nel senso della larghezza e poi nell’altro verso. E’ possibile che il composto si sbricioli leggermente, ma premendolo sui lati si ricompatterà con facilità.

DSC_0721_Fotor

Annunci

46 thoughts

  1. Sei incredibile Angiola! Queste foto seppur, come dici tu, non come quelle perse, rendono l’idea di quanto sei appassionata, creativa e brava! E poi hai solleticato nn solo le mie papille ma anche la mia curiosità 💕Davvero BRAVA BRAVA!!!!!

  2. Energetiche e buone sicuramente, ma anche molto belle queste barrette… che hai anche avuto la pazienza di confezionare! Sono onoratissima del fatto che mi hai citata! 🙂 Ps.: Ma hai origini calabresi?

  3. Allora…. Giovedì sono a casa in ferie faccio la spesa. Sabato li confeziono e da lunedì li mangio in ufficio all’ora di pranzo. Diciamo che inizio un po’ di dieta. Grazie piatti coi tacchi.

  4. Buone, buonissime! Io ho iniziato a dedicarmi all’autoproduzione di latti vegetali, ma qualche mese fa ho preparato anche la granola. Che non ho fotografato perché è sparita troppo in fretta 😦 Io purtroppo non ho i fichi colti dal papà nel giardino calabrese, ma magari preparerò questi snack come spezzafame da portarmi a scuola. Spero solo che i bambini non li puntino subito 🙂

  5. Dimmi se sono poco fusa?! In questo istante mi è venuta l’ispirazione per una sorta di semifreddo che unisca la mia ricotta e le tue barrette sotto forma di croccante … Idea malsana??? Ora decisamente non è ora da mettersi all’opera, ma per il prossimo periodo di sperimentazioni mi metto a studiare!!!
    Visto che questa mattina mi mancano un po’ le forze ti frego un pezzetto di snack, ti mando un abbraccio e un augurio di buona giornata-
    ps: per caso posso prenotarmi per il prossimo arrivo di fichi calabresi?! 😉

  6. Una gustosa botta di energia che fa sempre bene! Con la soddisfazione di averle confezionate da sé 🙂 Che peccato per le foto! Posso solo immaginare. Ma son belle anche questa, tranquilla! 🙂

  7. L’autoproduzione impazza!! 🙂 Immagino il nervoso per aver perso tutte le foto..con tutta la passione e la dedizione che ci si mette quando succedono questi inconvenienti si perde la brocca 🙂 Ne so qualcosa!! .. ma il risultato è davvero invitante, bellissime foto ed ottima ricetta. Ciao cara

    1. In realtà non proprio: ti ho cercata separatamente. Cliccando sul tuo nome invece, mi collego all’indirizzo “saratrivillin.wordpress.com”, che mi dice essere un blog non più disponibile. Quindi credo che ti sarà sufficiente modificare l’indirizzo legato al tuo nome!

  8. Fantastici, non c’è che dire, mi sa che questi finiranno nello zaino al prossimo trekking in montagna, o forse non vedranno nemmeno lo zaino……spariranno prima…..
    Complimenti per il post, e per le foto che sono veramente belle come sempre. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...